Dicono di me

  • M.T. Valle, avvertenze per l'uso: non leggere la sera prima di dormire, gli effetti collaterali potrebbero essere non riuscire a smettere fino alla fine del libro dimenticando di dormire. La sua scrittura è perfetta: lieve e mai banale, seta che scivola piacevolmente sul corpo scaldando d'inverno e senza peso d'estate. È evidente la ricerca di un modo di scrivere che contenga tutto ciò che l'autrice vuole trasmettere e contemporaneamente l'essenziale, nulla più di ciò che serve.

    Simona Bogani - Giallomania
  • La Liguria si ritaglia sempre di più uno spazio nel giallo mediterraneo. E lo fa grazie alla casa editrice dei Fratelli Frilli, che continua a scommettere su questo genere e a lanciare autori (liguri). Proprio in questi giorni, infatti, è in uscita col romanzo "Il conto da pagare" di Maria Teresa Valle una ricostruzione fedele della Genova degli anni '70 e di quell'Italia degli anni di piombo, da cui parte il giallo in cui la protagonista Maria Viani si trova suo malgrado coinvolta.

    Giallolatino - Giallolatino
  • Il romanzo di Maria Teresa Valle affascina il lettore per quel modo semplice e quasi naturale di avvicinarsi all'individuazione del colpevole. Molto diverso dai classici gialli inglesi con i delitti commessi in camere chiuse dall'interno e ben lontano dai misteriosi puzzle dove si trovano perfettamente a loro agio i vari Poirot o Ellery Queen, L'eredità di zia Evelina ci presenta le indagini di Maria Viani. Investigatrice quasi per caso, è una donna qualunque, lontana dallo stereotipo delineato dai canoni tradizionali della letteratura giallista.

    Gli amanti dei libri - Creative Director